Ernia del disco cervicale: 100%

Al contrario di quello che si pensa riusciamo, ormai, a non fare più operare  le ernie cervicali. In otto anni e per più di 2.000 casi nessun paziente in cura da noi, in quanto affetto da ernia cervicale (anche quelle grosse che causano compressione sulle radici nervose) si è dovuto sottoporre ad intervento chirurgico di discectomia. Tutti i pazienti trattati presso il C.M.R. hanno avuto una completa risoluzione dei sintomi provocati dall’ernia (cervicalgia, cervicobrachialgia, vertigini, cefalee, parestesie, dolori notturni) e nei casi in cui vi era una perdita di forza da sofferenza del nervo (documentata con elettromiografia) vi è sempre stata una ripresa completa della forza muscolare e della funzionalità degli arti. Inoltre tutti i 2.000 pazienti (circa) curati da noi per ernia del disco hanno ripreso la loro attività professionale e sportiva come e meglio di prima d’ammalarsi (caso emblematico quello del campione italiano di windsurf acrobatico che per un ernia cervicale gli era stato detto che non avrebbe potuto più praticare tale disciplina. Dopo 6 sedute effettuate nel nostro centro e dopo un lavoro di bonificazione muscolare e ginnastica posturale è tornato a gareggiare e a vincere).